2007_03_18_Photos_023

Eccomi qua di nuovo, dopo tanti mesi di assenza per parlarvi di un piatto invernale (mi devo sbrigare di parlarne visto che la primavera si avvicina sempre di piu...) che si mangia spesso durante la settimana bianca, dopo una dura giornata di sci. Si tratta della tartiflette.

La tartiflette è un piatto recente. Al contrario della fonduta e della raclette che sono dei piatti mangiati da sempre nelle alpi, la tartiflette sarebbe stata inventata negli anni 80 per promuovere il formaggio che la compone, allora poco comprato. In realtà non si sa bene se la ricetta esisteva già prima in una forma piu semplice (solo il reblochon e le patate). Ma non ha nessuna importanza, questo piatto è cosi buono che vale la pena provarlo.

La tartiflette originale si cucina utilizzando

  • il reblochon: si tratta di un formaggio a crosta arancione/rosso, preparato a base di latte crudo e all'odore riconoscibile tra tutti!
  • le cipolle
  • la pancetta
  • il vino bianco

Nella ricetta che vi propongo, ho fatto un po' di adattamenti. Ho provato tantissime varianti della tartiflette e ho finalmente raggiunto il livello massimo. Dimenticando il vino (che bevo a parte) e aggiungendo della panna (di quella liquida) per rendere il formaggio ancora piu "sciolto".



TARTIFLETTE

Ingredienti:

  • 3/4 di un reblochon
  • 1 kg di patate
  • 200/250g di pancetta a dadini
  • 1 confezione di panna (di preferenza liquida, e leggera)
  • 2 cipolle
  • un peu d'olio e del pep

Préparation:

1) Trittate le cipolle e fatele saltare in padella, con un po' d'olio. Devono essere dorate ma non bruciacchiate.

2007_03_18_Photos_007

2) Fate saltare la pancetta in padella (senza aggiungere nessun grasso, quello della pancetta bastera, e credetemi ci saranno abbastanza lipidi nella ricetta complessiva).

3) Cuocere le patate, o al vapore, o nell'acqua bollente. Tagliatele a dadi e diponetele in un piatto che va in forno.

2007_03_18_Photos_008

4) Aggiungete le cipolle, e la pancetta.

2007_03_18_Photos_015  2007_03_18_Photos_016

5)Aggiungete il contenuto della confezione di panna e mischiare bene tutti gli ingredienti.

2007_03_18_Photos_020

6) Condite con un po' di pepe se vi piace. E disponete sulle patate il formaggio tagliato a pezzettini, con la crosta sul sopra.

2007_03_18_Photos_021

7) Fate cuocere questo piatto durante 30 a 40 minuti, finendo la cottura con qualche minuto di grill. La crosta del formaggio dev'essere bruciacchiata e croccante.


Risultato

Non vi nascondero che, dopo un tale piatto, di solito, nessuno ha piu fame. Pero vi assicuro che questo piatto, per chi ama il formaggio, è un delizio!!!

Preferisco togliere il vino e berlo a parte, non so spiegare perchè, è un gusto mio.

Per quello che riguarda la panna, potete dirmi quello che volete, e in particolare che rende il piatto ancora piu pesante, ma non mi farete cambiare idea. La panna (se liquida) da un qualcosa in piu al piatto. Il formaggio si sciogle meglio, è piu cremoso, piu... il piatto viene migliore insomma. E sinceramente, se avete scelto di mangiare una tartiflette, non è il momento di contare le calorie!!

Conclusione

Adoro questo piatto!! E quando ero in Italia, mi facevo sempre portare un po' di reblochon durante l'inverno...

Ne mangio solo qualche volta durante l'inverno, quando ne ho davvero una gran' voglia. Cosi la apprezzo ancora di piu! E cosi, posso dimenticare ogni senso di colpa, me la cucino come mi piace dimenticando ogni buon principo di dietetica. E esco sempre da tavola col "sorriso fino alle orecchie". Perchè non c'è niente da dire di piu, la tartiflette è un piatto buonissimo!